«Un’arte che si chiama perspettiva» (Cv II, iii, 6): Dante e la scienza ottica tra fisica e metafisica