L’indagine, premessa la stretta correlazione esistente tra comunione e divisione, dedica ampio spazio, nella trattazione che precede l’esame delle singole previsioni normative in materia, alla natura giuridica della divisione, in particolare all’alternativa dichiaratività-costitutività, anche in ragione dell’orientamento giurisprudenziale, che ha attribuito alla divisione causa attributiva e distributiva, quale atto inter vivos assimilabile a quelli aventi natura traslativa. La divisione diviene così il titolo di acquisto dei beni assegnati in proprietà esclusiva ai condividenti ed il fondamento giustificativo della loro attribuzione patrimoniale. Le conseguenze sul piano applicativo sono rilevanti, specie in materia di pubblicità, producendo la trascrizione della divisione l’effetto di cui all’art. 2644 c.c. Sullo sfondo dell’indagine vi è tuttavia la consapevolezza del ridimensionato ruolo che oggi riveste il fenomeno successorio nella trasmissione della ricchezza, la quale avviene spesso mediante il ricorso a strumenti diversi dalla successione mortis causa, specie quando si tratta di patrimoni di rilevante valore. Aspetto questo che si riverbera inevitabilmente sulla conseguente attività di divisione dei beni caduti in successione.

La divisione ereditaria

ANTONINO ASTONE
2022

Abstract

L’indagine, premessa la stretta correlazione esistente tra comunione e divisione, dedica ampio spazio, nella trattazione che precede l’esame delle singole previsioni normative in materia, alla natura giuridica della divisione, in particolare all’alternativa dichiaratività-costitutività, anche in ragione dell’orientamento giurisprudenziale, che ha attribuito alla divisione causa attributiva e distributiva, quale atto inter vivos assimilabile a quelli aventi natura traslativa. La divisione diviene così il titolo di acquisto dei beni assegnati in proprietà esclusiva ai condividenti ed il fondamento giustificativo della loro attribuzione patrimoniale. Le conseguenze sul piano applicativo sono rilevanti, specie in materia di pubblicità, producendo la trascrizione della divisione l’effetto di cui all’art. 2644 c.c. Sullo sfondo dell’indagine vi è tuttavia la consapevolezza del ridimensionato ruolo che oggi riveste il fenomeno successorio nella trasmissione della ricchezza, la quale avviene spesso mediante il ricorso a strumenti diversi dalla successione mortis causa, specie quando si tratta di patrimoni di rilevante valore. Aspetto questo che si riverbera inevitabilmente sulla conseguente attività di divisione dei beni caduti in successione.
Il Codice civile. Commentario
978-88-28-84096-1
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
La divisione ereditaria pdf.pdf

solo utenti autorizzati

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 2.36 MB
Formato Adobe PDF
2.36 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/3233104
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact