La qualità energetico-ambientale dell’ecosistema ha richiesto riflessioni rivoluzionarie in campo politico, progettuale, produttivo, esecutivo e di validazione. Il contributo fornito dall’isolamento termico degli edifici evidenzia come occorra una sinergia che negli ultimi anni è stata individuata nella predisposizione di incentivi statali, nella concezione di sistemi a cappotto quali soluzioni trainanti nella progettazione dell’intervento di riqualificazione energetica, nella innovazione tecnologica dei prodotti di coibentazione, nella predisposizione di protocolli di esecuzione e verifica. La nostra indagine ha riguardato gli isolanti non convenzionali, ricercando soluzioni per cappotti che si avvalgono di nanotecnologie, rispondono ai criteri ambientali minimi (CAM) e a specifiche normative in termini di prestazione. Il censimento condotto ha quindi riguardato nano/micro cappotti che si avvalgono di principi attivi differenti in VIRTÙ della loro concezione, noti come VIP (Vacuum Insulation Panel), Aerogels e rivestimenti termoriflettenti. Sull’efficacia della capacità isolante di queste categorie di prodotti, reclamizzate anche per i minimi ingombri, abbiamo rilevato posizioni di scetticismo motivate sulla base delle conoscenze fisico-tecniche sinora acquisite: è messa in dubbio la possibilità di eguagliare in pochi millimetri (5-30) l’efficacia garantita da diversi centimetri (4-16) di soluzioni convenzionali. I prodotti di punta, campionati sulla base delle migliori prestazioni attestate, sono stati applicati nell’ipotesi di efficientamento energetico di un blocco del quartere INA CASA a Messina realizzato su progetto di Fiippo Rovigo negli anni ’50, con tecniche costruttive tradizionali e una chiusura verticale in mattoni forati fra le maglie di una struttura in cemento armato. La validazione delle prestazioni che, per l’accesso all’eco-incentivo, deve garantire il salto di due classi energetiche, è stata effettuata con Termus, un applicativo BIM dell’ACCA. I risultati offrono parte della risposta agli interrogativi di efficacia posti per questo spaccato di innovazione tecnologica.

Isolanti termici nanotecnologici: opportunità o inadeguatezza per la riqualificazione energetica dell'esistente

Ornella, Fiandaca
Co-primo
Membro del Collaboration Group
;
Alessandra, Cernaro
Co-primo
Membro del Collaboration Group
2022-01-01

Abstract

La qualità energetico-ambientale dell’ecosistema ha richiesto riflessioni rivoluzionarie in campo politico, progettuale, produttivo, esecutivo e di validazione. Il contributo fornito dall’isolamento termico degli edifici evidenzia come occorra una sinergia che negli ultimi anni è stata individuata nella predisposizione di incentivi statali, nella concezione di sistemi a cappotto quali soluzioni trainanti nella progettazione dell’intervento di riqualificazione energetica, nella innovazione tecnologica dei prodotti di coibentazione, nella predisposizione di protocolli di esecuzione e verifica. La nostra indagine ha riguardato gli isolanti non convenzionali, ricercando soluzioni per cappotti che si avvalgono di nanotecnologie, rispondono ai criteri ambientali minimi (CAM) e a specifiche normative in termini di prestazione. Il censimento condotto ha quindi riguardato nano/micro cappotti che si avvalgono di principi attivi differenti in VIRTÙ della loro concezione, noti come VIP (Vacuum Insulation Panel), Aerogels e rivestimenti termoriflettenti. Sull’efficacia della capacità isolante di queste categorie di prodotti, reclamizzate anche per i minimi ingombri, abbiamo rilevato posizioni di scetticismo motivate sulla base delle conoscenze fisico-tecniche sinora acquisite: è messa in dubbio la possibilità di eguagliare in pochi millimetri (5-30) l’efficacia garantita da diversi centimetri (4-16) di soluzioni convenzionali. I prodotti di punta, campionati sulla base delle migliori prestazioni attestate, sono stati applicati nell’ipotesi di efficientamento energetico di un blocco del quartere INA CASA a Messina realizzato su progetto di Fiippo Rovigo negli anni ’50, con tecniche costruttive tradizionali e una chiusura verticale in mattoni forati fra le maglie di una struttura in cemento armato. La validazione delle prestazioni che, per l’accesso all’eco-incentivo, deve garantire il salto di due classi energetiche, è stata effettuata con Termus, un applicativo BIM dell’ACCA. I risultati offrono parte della risposta agli interrogativi di efficacia posti per questo spaccato di innovazione tecnologica.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
SCD- Technology, energy and environment in construction_compressed.pdf

solo utenti autorizzati

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Non specificato
Dimensione 3.92 MB
Formato Adobe PDF
3.92 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/3241335
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact