Nell’ambito degli interventi socio sanitari per il miglioramento delle condizioni di vita dei soggetti vulnerabili con vario grado di disabilità neurologiche e psichiche, gli IAA rappresentano un approccio di cura alternativo. Al fine di poter ottenere una metodologia affidabile e degli indicatori oggettivi per il monitoraggio dell’asino durante i setting di IAA, sono stati valutati e correlati indicatori etologici a parametri neurovegetativi. E’stata effettuata la valutazione clinico-comportamentale dei soggetti oggetto dello studio e poi la raccolta dei dati cardiofrequenzimetrici telemetrici, valutando preliminarmente l’RMSSD ed effettuando l’analisi spettrale nel dominio della frequenza di questi. L’escursione percentuale dei valori medi della Fcmedia da 42,62 nei basali a 75,55 al tempo T1 con un +77,26%, testimonia un disagio emozionale, avvalorato dalla consensuale diminuzione dell’RMSSD da 106,81 a 97,09 che dimostra una minore variabilità dell’HRV dovuta al predominio della componente neurovegetativa di tipo simpatico. I valori percentuali medi dei parametri spettrali dell’HRV dell’asino adibito a setting di TAA hanno manifestato variazioni in aumento, anche se non significative, del rapporto LF/HF e del valore percentuale medio di LF e , per contro, in diminuzione del valore percentuale medio di HF. Infine pur con le riserve che si tratta di risultati preliminari e senza alcun confronto bibliografico, sembrerebbe esistere una coerenza tra l’UAPD di espressione di disagio/sottomissione ed i corrispondenti valori del rapporto LF/HF. Ulteriori più approfondite indagini potranno confermare tale interpretazione e fornire un valido indicatore di monitoraggio etologico sul campo. Risulterebbe dimostrato che il setting di TAA, almeno con il quadro nosografico dei pazienti umani oggetto del nostro studio, si configura come potenziale contesto di disagio emozionale dell’asino a causa delle sue elevate capacità empatiche.

Monitoraggio degli indicatori etologici e neurovegetativi dell’asino adibito a Terapie Assistite con l’animale. Considerazioni sugli effetti indotti durante setting di Terapia Assistita con l’animale di pazienti con disturbi dello spettro schizofrenico (ICD-11).

STATELLI, Alessandra
2022-11-29

Abstract

Nell’ambito degli interventi socio sanitari per il miglioramento delle condizioni di vita dei soggetti vulnerabili con vario grado di disabilità neurologiche e psichiche, gli IAA rappresentano un approccio di cura alternativo. Al fine di poter ottenere una metodologia affidabile e degli indicatori oggettivi per il monitoraggio dell’asino durante i setting di IAA, sono stati valutati e correlati indicatori etologici a parametri neurovegetativi. E’stata effettuata la valutazione clinico-comportamentale dei soggetti oggetto dello studio e poi la raccolta dei dati cardiofrequenzimetrici telemetrici, valutando preliminarmente l’RMSSD ed effettuando l’analisi spettrale nel dominio della frequenza di questi. L’escursione percentuale dei valori medi della Fcmedia da 42,62 nei basali a 75,55 al tempo T1 con un +77,26%, testimonia un disagio emozionale, avvalorato dalla consensuale diminuzione dell’RMSSD da 106,81 a 97,09 che dimostra una minore variabilità dell’HRV dovuta al predominio della componente neurovegetativa di tipo simpatico. I valori percentuali medi dei parametri spettrali dell’HRV dell’asino adibito a setting di TAA hanno manifestato variazioni in aumento, anche se non significative, del rapporto LF/HF e del valore percentuale medio di LF e , per contro, in diminuzione del valore percentuale medio di HF. Infine pur con le riserve che si tratta di risultati preliminari e senza alcun confronto bibliografico, sembrerebbe esistere una coerenza tra l’UAPD di espressione di disagio/sottomissione ed i corrispondenti valori del rapporto LF/HF. Ulteriori più approfondite indagini potranno confermare tale interpretazione e fornire un valido indicatore di monitoraggio etologico sul campo. Risulterebbe dimostrato che il setting di TAA, almeno con il quadro nosografico dei pazienti umani oggetto del nostro studio, si configura come potenziale contesto di disagio emozionale dell’asino a causa delle sue elevate capacità empatiche.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
TESI DI DOTTORATO XXXV CICLO ALESSANDRA STATELLI finale.pdf

accesso aperto

Descrizione: tesi
Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Creative commons
Dimensione 8.69 MB
Formato Adobe PDF
8.69 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/3244995
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact