Analoghi nucleosidici come potenziali agenti antivirali