Il problema dell’educazione ha origini ancestrali e si è nutrito di conflitti speculativo-dialettici iterativi, portati avanti da scuole di pensiero e studiosi autorevoli, le cui posizioni, nel corso della storia culturale del nostro Paese, spesso si collocavano, e tutt’oggi si collocano, agli antipodi, pur avendo come punto di congiunzione chiaramente l’uomo. La pedagogia, fondamentalmente scienza di sintesi, deve necessariamente affermare il proprio valore epistemologico sia nei riguardi delle diverse aree scientifiche che, direttamente o indirettamente, hanno concernenza col fatto educativo, sia rispetto alle modalità operative che presiedono alle attività formative didattiche. Per raggiungere tale fine la pedagogia deve conquistarsi spazi di azione e di riflessione che sono stati, e sono, tradizionalmente asfittici, soffocati da politiche inadeguate e pregiudiziali che hanno sovente privilegiato le cosiddette “scienze dure” alla scienza pedagogica, facendo così confluire, in quest’ultima, giudizi di “pressappochismo” e di inadeguatezza metodologica e strumentale. Per riuscire in tale compito è opportuno che il pensiero pedagogico si riappropri della fiducia della gente partendo proprio dall'analisi della vita pubblica e dei problemi quotidiani delle giovani generazioni.

Promuovere l'azione educativa attraverso coerenza di principi e interventi significativi.

SMERIGLIO, Donatello
2008

Abstract

Il problema dell’educazione ha origini ancestrali e si è nutrito di conflitti speculativo-dialettici iterativi, portati avanti da scuole di pensiero e studiosi autorevoli, le cui posizioni, nel corso della storia culturale del nostro Paese, spesso si collocavano, e tutt’oggi si collocano, agli antipodi, pur avendo come punto di congiunzione chiaramente l’uomo. La pedagogia, fondamentalmente scienza di sintesi, deve necessariamente affermare il proprio valore epistemologico sia nei riguardi delle diverse aree scientifiche che, direttamente o indirettamente, hanno concernenza col fatto educativo, sia rispetto alle modalità operative che presiedono alle attività formative didattiche. Per raggiungere tale fine la pedagogia deve conquistarsi spazi di azione e di riflessione che sono stati, e sono, tradizionalmente asfittici, soffocati da politiche inadeguate e pregiudiziali che hanno sovente privilegiato le cosiddette “scienze dure” alla scienza pedagogica, facendo così confluire, in quest’ultima, giudizi di “pressappochismo” e di inadeguatezza metodologica e strumentale. Per riuscire in tale compito è opportuno che il pensiero pedagogico si riappropri della fiducia della gente partendo proprio dall'analisi della vita pubblica e dei problemi quotidiani delle giovani generazioni.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11570/11188
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact