Una lettera di Sebastiano Maturi a Benedetto Croce