Mazzini, Garibaldi e il socialismo