L'ord. 24 luglio 2007, n. 323 della Corte costituzionale: un cauto overruling nel segno della tradizione