La nutrizione artificiale nella sindrome da intestino corto e nelle fistole digestive