Cardiomiopatia aritmogena del ventricolo destro. L'evoluzione è sempre sfavorevole?