Scultura in Piemonte tra Gotico e Rinascimento. Appunti in margine ad una mostra (e qualche novità sul probabile Jan Prindall)