La "presenza" di un maestro. Ricordo di Salvatore Calderone