I segni e le parole, due mondi a confronto