L’impostura (il verbo imponere, ‘far portare un peso’ ed anche ‘ingannare imponendo una credenza’), che è nella vita, e la “menzogna saracina” costituiscono la storia di potere (quello reale) e il concetto di ambiguità de Il Consiglio d’Egitto: struttura, su cui Sciascia costruisce una delle più seducenti pagine metaforiche nella settecentesca cornice della città di Palermo. Le diverse sfumature psicologiche e caratteriali dei personaggi sono espresse in un registro linguistico, nel quale la centralità del linguaggio e della ragione è affidata anche ai meccanismi simmetrici della sinonimia e ad altri artifici semiotici. Nell’economia interpretativa della storia l’Autore fa uso di figure di costruzione: massimamente la sinonimia (contegno silenzioso ed assorto; composizione e configurazione; sul mio zelo, sulla mia sollecitudine; con tatto, con prudenza), che conosce fenomeni di gradazione (restò per un momento a guardare la campagna misteriosa ed informe, ancora più informe e misteriosa […]; […] tra noi e loro ci sono gravissime, vergognose differenze … Dico vergognose per noi; […] sei un cane d’ortolano, un rognoso, impestato, arrabbiato cane d’ortolano).

Varietà intra e interidiomatica ne Il Consiglio d'Egitto di Leonardo Sciascia

LORENZINI, Lucrezia
2008

Abstract

L’impostura (il verbo imponere, ‘far portare un peso’ ed anche ‘ingannare imponendo una credenza’), che è nella vita, e la “menzogna saracina” costituiscono la storia di potere (quello reale) e il concetto di ambiguità de Il Consiglio d’Egitto: struttura, su cui Sciascia costruisce una delle più seducenti pagine metaforiche nella settecentesca cornice della città di Palermo. Le diverse sfumature psicologiche e caratteriali dei personaggi sono espresse in un registro linguistico, nel quale la centralità del linguaggio e della ragione è affidata anche ai meccanismi simmetrici della sinonimia e ad altri artifici semiotici. Nell’economia interpretativa della storia l’Autore fa uso di figure di costruzione: massimamente la sinonimia (contegno silenzioso ed assorto; composizione e configurazione; sul mio zelo, sulla mia sollecitudine; con tatto, con prudenza), che conosce fenomeni di gradazione (restò per un momento a guardare la campagna misteriosa ed informe, ancora più informe e misteriosa […]; […] tra noi e loro ci sono gravissime, vergognose differenze … Dico vergognose per noi; […] sei un cane d’ortolano, un rognoso, impestato, arrabbiato cane d’ortolano).
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11570/1871296
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact