Scienza e tecnica: tornare a Platone?