Lo scopo del presente studio è verificare, se a parità di condizioni di rischio, una maggiore competenza verbale possa rappresentare una risorsa per la prevenzione dello sviluppo di comportamenti antisociali. In particolare, relativamente alla qualità (positive/negative) delle interazioni tra coetanei e insegnante-alunno e alla modalità comunicativa (verbale/non verbale), sono state analizzate le differenze tra alunni con diverso livello di competenza verbale (alto vs basso) e di diverso livello evolutivo (7/8 anni vs 10/11 anni). Quaranta bambini equamente distribuiti nelle due fasce di età, con un livello socio-culturale medio-basso, sono stati suddivisi in due gruppi (alta e bassa competenza verbale), sulla base dei punteggi ottenuti alle prove di similarità e di fluidità categoriale. Il campione è stato osservato in classe, registrando su un’apposita scheda, tutti i comportamenti di interazione emessi da ciascun bambino nei confronti dei compagni e dell’insegnante. Dai risultati emerge che adeguate competenze verbali sembrano favorire maggiori scambi conversazionali, sia verbali sia gestuali, ed una maggiore propensione ai comportanti prosociali e di collaborazione verso gli altri. Al contrario, i soggetti con limitate competenze verbali sembrano adottare, più frequentemente, stili comunicativi aggressivi e comportamenti di rifiuto, sia verso i coetanei sia nei confronti dell’insegnante. Tale andamento sembra essere confermato in entrambi i livelli evolutivi.

Competenze verbali e abilità sociali: analisi delle interazioni in ambito scolastico

FILIPPELLO, Giuseppa;OLIVA, PATRIZIA;
2010

Abstract

Lo scopo del presente studio è verificare, se a parità di condizioni di rischio, una maggiore competenza verbale possa rappresentare una risorsa per la prevenzione dello sviluppo di comportamenti antisociali. In particolare, relativamente alla qualità (positive/negative) delle interazioni tra coetanei e insegnante-alunno e alla modalità comunicativa (verbale/non verbale), sono state analizzate le differenze tra alunni con diverso livello di competenza verbale (alto vs basso) e di diverso livello evolutivo (7/8 anni vs 10/11 anni). Quaranta bambini equamente distribuiti nelle due fasce di età, con un livello socio-culturale medio-basso, sono stati suddivisi in due gruppi (alta e bassa competenza verbale), sulla base dei punteggi ottenuti alle prove di similarità e di fluidità categoriale. Il campione è stato osservato in classe, registrando su un’apposita scheda, tutti i comportamenti di interazione emessi da ciascun bambino nei confronti dei compagni e dell’insegnante. Dai risultati emerge che adeguate competenze verbali sembrano favorire maggiori scambi conversazionali, sia verbali sia gestuali, ed una maggiore propensione ai comportanti prosociali e di collaborazione verso gli altri. Al contrario, i soggetti con limitate competenze verbali sembrano adottare, più frequentemente, stili comunicativi aggressivi e comportamenti di rifiuto, sia verso i coetanei sia nei confronti dell’insegnante. Tale andamento sembra essere confermato in entrambi i livelli evolutivi.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/1904961
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact