Verso un "bipolarismo dal volto umano"?