Giovanni di Efeso tra dissenso religioso e teologia politica