Il funzionamento “limite” al test di Rorschach: ipotesi cliniche.