Filosofia seria e filosofia comica. Ovvero l’involuzione canzonettistica di un filosofo antiaccademico.