Le sindromi febbrili ereditarie potrebbero essere a trasmissione oligogenica