La fattispecie degli accordi gravemente iniqui costituisce un significativo esempio di intervento esterno giudiziale nella costruzione del regolamento contrattuale, estraneo alla logica codicistica. Il giudice, dichiarata, anche d’ufficio, la nullità della clausola, avuto riguardo all’interesse del creditore, alla corretta prassi commerciale ed alle altre circostanze, indicate dal legislatore come rilevanti ai fini del giudizio di grave iniquità, “applica i termini legali ovvero riconduce ad equità il contenuto dell’accordo medesimo”. L’evoluzione del sistema normativo, e la pluralità di livelli di legalità con cui occorre confrontarsi, ha suggerito l’interpretazione della nozione di equità contenuta nell’art. 7 d. lgs. n 231/2002, come non più riferita al solo dato commerciale e quindi espressione di un mero giudizio di normalità economica ma comprensiva dei valori costituzionali della eguaglianza sostanziale e della solidarietà. La correzione giudiziale del contratto ex art. 7 dlgs. n. 231/2002 consente così di ricostruire una nozione costituzionalizzata di equità, disancorata da logiche esclusivamente economicistiche, oltre che conforme alle previsioni comunitarie di un’economia sociale di mercato.

Accordi gravemente iniqui e interventi correttivi del regolamento negoziale

ASTONE, ANTONINO
2010

Abstract

La fattispecie degli accordi gravemente iniqui costituisce un significativo esempio di intervento esterno giudiziale nella costruzione del regolamento contrattuale, estraneo alla logica codicistica. Il giudice, dichiarata, anche d’ufficio, la nullità della clausola, avuto riguardo all’interesse del creditore, alla corretta prassi commerciale ed alle altre circostanze, indicate dal legislatore come rilevanti ai fini del giudizio di grave iniquità, “applica i termini legali ovvero riconduce ad equità il contenuto dell’accordo medesimo”. L’evoluzione del sistema normativo, e la pluralità di livelli di legalità con cui occorre confrontarsi, ha suggerito l’interpretazione della nozione di equità contenuta nell’art. 7 d. lgs. n 231/2002, come non più riferita al solo dato commerciale e quindi espressione di un mero giudizio di normalità economica ma comprensiva dei valori costituzionali della eguaglianza sostanziale e della solidarietà. La correzione giudiziale del contratto ex art. 7 dlgs. n. 231/2002 consente così di ricostruire una nozione costituzionalizzata di equità, disancorata da logiche esclusivamente economicistiche, oltre che conforme alle previsioni comunitarie di un’economia sociale di mercato.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/1909386
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact