Per una semantica (de)strutturale