L’Io come seconda certezza di senso comune