Differenza tra “conoscenza ordinaria” e “senso comune” (parte I)