Ancora sulla questione del metodo: il dualismo io/mondo