Forma solenne e regolamento conformato: un ossimoro del nuovo diritto dei contratti?