Il Conseil d’État intraprende il cammino tracciato dal «Processo di Bologna»