Con la decisione del 9 luglio 2010, il Conseil d’État ha rigettato il ricorso avverso il decreto di pubblicazione dell’Accordo tra Francia e Santa Sede del 18 dicembre 2008, riguardante il riconoscimento dei gradi e dei diplomi rilasciati dagli Istituti superiori e dalle Università cattoliche francesi, ponendosi, in tal modo, perfettamente in linea con le direttive dettate dalla Convenzione di Lisbona, prima, e dal “Processo di Bologna”, poi, per la costruzione di uno spazio europeo dell’insegnamento superiore che valorizzi al massimo le singole specificità.

Il Conseil d’État intraprende il cammino tracciato dal «Processo di Bologna»

TIGANO, Marta
2010

Abstract

Con la decisione del 9 luglio 2010, il Conseil d’État ha rigettato il ricorso avverso il decreto di pubblicazione dell’Accordo tra Francia e Santa Sede del 18 dicembre 2008, riguardante il riconoscimento dei gradi e dei diplomi rilasciati dagli Istituti superiori e dalle Università cattoliche francesi, ponendosi, in tal modo, perfettamente in linea con le direttive dettate dalla Convenzione di Lisbona, prima, e dal “Processo di Bologna”, poi, per la costruzione di uno spazio europeo dell’insegnamento superiore che valorizzi al massimo le singole specificità.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/1911454
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact