Camilleri:l'infelicità del "figlio cambiato" e la normalità di Salvo Montalbano