La retorica occulta di Leibniz