Il "Sud" come frontiera geosimbolica