Può esistere una dicotomia natura-cultura nei processi evolutivi del linguaggio?