Ancora sul diritto di ripresa dell’equiparato