Il diritto di ripresa dell’equiparato: solo equivoci e confusioni