Rapporto tra sintomi positivi, negativi e sintomi psicostrumentali, parte prima