Gentile da Fabriano, Jacopo della Quercia and Siena: the ‘Madonna dei banchetti’