Immagine del diritto e linguaggio televisivo sono i due nodi focali attorno ai quali si articola l’analisi della spettacolarizzazione dei processi giudiziari simulati che abbiamo deciso di condurre attraverso un viaggio etnografico all’interno di una trasmissione televisiva. Un testo utile per l’analisi delle analogie e delle connessioni tra fenomeni giuridici e comunicativi. Indaghiamo i rapporti tra la narrazione (messa in scena) dei conflitti giuridici e la rappresentazione di tali conflitti sul pubblico del programma italiano Verdetto Finale. Attraverso un approccio semiotico studieremo tale programma come testo, mettendone in luce particolari caratteristiche dal punto di vista narratologico. La verosimiglianza dei programmi d’intrattenimento che ricostruiscono il sistema giudiziario rivela quale ruolo abbia il racconto mediale nella definizione dell’immaginario giuridico dei pubblici. S' intraprende un percorso etnografico all’interno di un prodotto dell’industria culturale. Un viaggio per comprendere idee, scrittura, messa in scena, spazi: il backstage , insomma, con incontri, dialoghi, applausi, luci, melodie. Appare interessante descrivere l’immagine del diritto tratteggiata dalla scrittura televisiva, troppo spesso considerata banale e superficiale prodotto dell’industria culturale.

Le dinamiche processuali come linguaggio televisivo. Il caso italiano

CAVA, ANTONIA
2013

Abstract

Immagine del diritto e linguaggio televisivo sono i due nodi focali attorno ai quali si articola l’analisi della spettacolarizzazione dei processi giudiziari simulati che abbiamo deciso di condurre attraverso un viaggio etnografico all’interno di una trasmissione televisiva. Un testo utile per l’analisi delle analogie e delle connessioni tra fenomeni giuridici e comunicativi. Indaghiamo i rapporti tra la narrazione (messa in scena) dei conflitti giuridici e la rappresentazione di tali conflitti sul pubblico del programma italiano Verdetto Finale. Attraverso un approccio semiotico studieremo tale programma come testo, mettendone in luce particolari caratteristiche dal punto di vista narratologico. La verosimiglianza dei programmi d’intrattenimento che ricostruiscono il sistema giudiziario rivela quale ruolo abbia il racconto mediale nella definizione dell’immaginario giuridico dei pubblici. S' intraprende un percorso etnografico all’interno di un prodotto dell’industria culturale. Un viaggio per comprendere idee, scrittura, messa in scena, spazi: il backstage , insomma, con incontri, dialoghi, applausi, luci, melodie. Appare interessante descrivere l’immagine del diritto tratteggiata dalla scrittura televisiva, troppo spesso considerata banale e superficiale prodotto dell’industria culturale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/2528627
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact