EVOLUZIONE A LUNGO TERMINE DELL'EEG NELLA MALATTIA DI UNVERRICHT-LUNDBORG