Il ritorno nel “museo diffuso”