La nefropatia acuta da fosfati è una realtà clinica emersa negli ultimi anni in pazienti che avevano effettuato pochi giorni prima una preparazione per colonscopia, con soluzioni orali a base di fosfato (OSPS). Tale condizione di danno renale indotto da OSPS si può manifestare precocemente in maniera acuta o in una forma tardiva più insidiosa. La prima si presenta con una sintomatologia acuta, di solito entro poche ore dalla preparazione intestinale e si manifesta con una marcata iperfosfatemia (4.5–19.4 mmol/l) e ipocalcemia (1–1.17mmol/l). In alcuni casi la funzione renale recupera in maniera completa, mentre altri sviluppano una malattia renale cronica. Nella forma tardiva, non si ottiene mai il completo recupero ed in alcuni casi si determina una progressione verso l’ESRD. A livello istologico, si osservano depositi intratubulari di fosfato di calcio a livello del tubulo distale e del dotto collettore con atrofia tubulare e fibrosi interstiziale. Fattori predisponenti all’insorgenza della nefropatia acuta da fosfati sono: il sesso femminile, età avanzata, diabete mellito, ipertensione arteriosa, malattia renale cronica e l’uso diuretici o farmaci attivi sul sistema renina-angiotensina. La diagnosi è suggerita dall’associazione temporale tra il danno renale acuto e l’assunzione dei purganti intestinali contenenti fosfato di sodio, peraltro molti quadri di danno cronico possono spesso sfuggire se non ricercati con controlli periodici degli esami di funzionalità renale; la diagnosi definitiva deve essere confermata dalla biopsia renale. La Food and Drug administration (FDA) ha pubblicato un “alert” nel 2006, raccomandando cautela nell’uso delle OSPS in pazienti con funzionalità renale compromessa

Acute phosphate nephropathy (APN)

BUEMI, Michele;SANTORO, Domenico
2014

Abstract

La nefropatia acuta da fosfati è una realtà clinica emersa negli ultimi anni in pazienti che avevano effettuato pochi giorni prima una preparazione per colonscopia, con soluzioni orali a base di fosfato (OSPS). Tale condizione di danno renale indotto da OSPS si può manifestare precocemente in maniera acuta o in una forma tardiva più insidiosa. La prima si presenta con una sintomatologia acuta, di solito entro poche ore dalla preparazione intestinale e si manifesta con una marcata iperfosfatemia (4.5–19.4 mmol/l) e ipocalcemia (1–1.17mmol/l). In alcuni casi la funzione renale recupera in maniera completa, mentre altri sviluppano una malattia renale cronica. Nella forma tardiva, non si ottiene mai il completo recupero ed in alcuni casi si determina una progressione verso l’ESRD. A livello istologico, si osservano depositi intratubulari di fosfato di calcio a livello del tubulo distale e del dotto collettore con atrofia tubulare e fibrosi interstiziale. Fattori predisponenti all’insorgenza della nefropatia acuta da fosfati sono: il sesso femminile, età avanzata, diabete mellito, ipertensione arteriosa, malattia renale cronica e l’uso diuretici o farmaci attivi sul sistema renina-angiotensina. La diagnosi è suggerita dall’associazione temporale tra il danno renale acuto e l’assunzione dei purganti intestinali contenenti fosfato di sodio, peraltro molti quadri di danno cronico possono spesso sfuggire se non ricercati con controlli periodici degli esami di funzionalità renale; la diagnosi definitiva deve essere confermata dalla biopsia renale. La Food and Drug administration (FDA) ha pubblicato un “alert” nel 2006, raccomandando cautela nell’uso delle OSPS in pazienti con funzionalità renale compromessa
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/2923568
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? 0
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact