Il diritto ad essere informati costituisce la base per la “formazione” di una corretta opinione pubblica, nonché per l’attuazione dei principi di democrazia e sovranità popolare (art. 1 Cost.), del libero sviluppo della persona (art. 2 Cost.), dell’uguaglianza formale e sostanziale degli individui (art. 3 Cost.). Non è soltanto “il diritto di ricevere quanto viene manifestato o espresso, ma innanzitutto la possibilità di muoversi e agire per il reperimento delle informazioni mediante l’accesso non soltanto ai mezzi di comunicazione, ma anche attraverso la raccolta di dati e l’osservazione diretta degli avvenimenti. La notizia non è un dato astratto alla mercé di tutti, perché riguarda la persona e la sua immagine in un dato momento storico; i dati personali, vale la pena ricordarlo, costituiscono una parte dell’espressione della personalità dell’individuo . E allora, deve essere consentito alla persona, a tutela della sua identità, di esercitare il proprio diritto di libertà informatica, che consiste nel potere disporre dei propri dati, ovvero delle notizie che lo riguardano, e quindi nella possibilità di chiedere sia il diritto alla contestualizzazione del dato o della notizia, perché “una verità non aggiornata non è una verità”, sia il diritto all'oblio su ciò che non è più parte della sua identità personale.

IL DIRITTO ALL'OBLIO TRA TUTELA DELLA RISERVATEZZA E DIRITTO ALL'INFORMAZIONE

COCUCCIO, MARIAFRANCESCA
2015

Abstract

Il diritto ad essere informati costituisce la base per la “formazione” di una corretta opinione pubblica, nonché per l’attuazione dei principi di democrazia e sovranità popolare (art. 1 Cost.), del libero sviluppo della persona (art. 2 Cost.), dell’uguaglianza formale e sostanziale degli individui (art. 3 Cost.). Non è soltanto “il diritto di ricevere quanto viene manifestato o espresso, ma innanzitutto la possibilità di muoversi e agire per il reperimento delle informazioni mediante l’accesso non soltanto ai mezzi di comunicazione, ma anche attraverso la raccolta di dati e l’osservazione diretta degli avvenimenti. La notizia non è un dato astratto alla mercé di tutti, perché riguarda la persona e la sua immagine in un dato momento storico; i dati personali, vale la pena ricordarlo, costituiscono una parte dell’espressione della personalità dell’individuo . E allora, deve essere consentito alla persona, a tutela della sua identità, di esercitare il proprio diritto di libertà informatica, che consiste nel potere disporre dei propri dati, ovvero delle notizie che lo riguardano, e quindi nella possibilità di chiedere sia il diritto alla contestualizzazione del dato o della notizia, perché “una verità non aggiornata non è una verità”, sia il diritto all'oblio su ciò che non è più parte della sua identità personale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11570/3059631
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact