“Coleotteri” e “martelli”: Wittgenstein, Heidegger e i linguaggi della follia