Il dibattito sul risarcimento dei “danni da morte” continua a dividere, da molti anni, e da molteplici punti di vista, la dottrina e la giurisprudenza italiane. Uno dei punti più controversi è quello relativo alla corretta individuazione del momento cronologico entro cui circoscrivere le singole tipologie di danno, così da definire un arco temporale sufficientemente certo e individuabile. Il tema è particolarmente accattivante e offre altresì l’occasione per riflettere, con seria e lucida consapevolezza, sull’estrema unpre- dictability delle decisioni in tema di danno non patrimoniale e di risarcimento del bene vita -The discussion on the right to compensation for “damages from the death” has for many years divided, from multiple perspectives, both legal commentators and case law in Italy. One of the most controversial points is related to the correct identification of the chronological time limit within which the various forms of damage, so as to define a time period sufficiently certain and identifiable. The theme is particularly appealing and also provides an opportunity to reflect on the extreme unpredictability of decisions about non-pecuniary damage and its compensation.

LA CLESSIDRA DELLA MORTE: RIFLESSIONI SULLA DIFFICOLTÀ CRONOMETRICA DEL DANNO TANATOLOGICO

MARCHESE, ALBERTO
2017

Abstract

Il dibattito sul risarcimento dei “danni da morte” continua a dividere, da molti anni, e da molteplici punti di vista, la dottrina e la giurisprudenza italiane. Uno dei punti più controversi è quello relativo alla corretta individuazione del momento cronologico entro cui circoscrivere le singole tipologie di danno, così da definire un arco temporale sufficientemente certo e individuabile. Il tema è particolarmente accattivante e offre altresì l’occasione per riflettere, con seria e lucida consapevolezza, sull’estrema unpre- dictability delle decisioni in tema di danno non patrimoniale e di risarcimento del bene vita -The discussion on the right to compensation for “damages from the death” has for many years divided, from multiple perspectives, both legal commentators and case law in Italy. One of the most controversial points is related to the correct identification of the chronological time limit within which the various forms of damage, so as to define a time period sufficiently certain and identifiable. The theme is particularly appealing and also provides an opportunity to reflect on the extreme unpredictability of decisions about non-pecuniary damage and its compensation.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/3115038
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact