Retorica del sublime e sintassi “catastrofica”: un esempio leopardiano tra Longino e Dante