Carl Schmitt e René Girard lettori romantici di Clausewitz: uno sguardo in parallelo