Di fantasmi teorici e chimere etnografiche