Lettere, diari e memorie come fonti per lo studio della Grande guerra: il caso siciliano