Non solo questione di somiglianza. Un possibile dialogo tra arte e neuroscienze