Prendendo spunto da un recente studio sui due manoscritti del corpus filosofico di Apuleio trascritti e annotati da Marsilio Ficino tra il 1455 e il 1456 (Ambr. S 14 sup. e Ricc. 509), il saggio individua i codici di Apuleio utilizzati e collazionati dall'umanista (tra i quali il famoso Apuleio del Boccaccio, Laur. 54, 32) e offre nuovi contributi sul versante della trasmissione medievale delle opere di Apuleio.

Ficino e Apuleio: nuove considerazioni.

Paola Megna
2019

Abstract

Prendendo spunto da un recente studio sui due manoscritti del corpus filosofico di Apuleio trascritti e annotati da Marsilio Ficino tra il 1455 e il 1456 (Ambr. S 14 sup. e Ricc. 509), il saggio individua i codici di Apuleio utilizzati e collazionati dall'umanista (tra i quali il famoso Apuleio del Boccaccio, Laur. 54, 32) e offre nuovi contributi sul versante della trasmissione medievale delle opere di Apuleio.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Athenaeum 2019.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 642.93 kB
Formato Adobe PDF
642.93 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11570/3147461
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact